Thursday, 12 Dec 2019

Utilizzo

Gli oli essenziali sono utilizzati da migliaia di anni in varie colture per scopi medicinali e sanitari. Gli usi essenziali dell’olio variano dall’aromaterapia, ai prodotti per la pulizia domestica, alla cura della bellezza personale e ai trattamenti di medicina naturale.

Le particelle negli oli essenziali provengono dalla distillazione o dall’ estrazione delle diverse parti delle piante, compresi fiori, foglie, cortecce, radici, resina e bucce. Nell’antichità, ebrei ed egiziani producevano oli essenziali immergendo le piante in olio e filtrando l’olio attraverso un sacchetto di lino.

I benefici essenziali dell’olio derivano dalle loro proprietà antiossidanti, antimicrobiche e antinfiammatorie. Questi oli curativi stanno rapidamente crescendo in popolarità perché agiscono come medicina naturale senza effetti collaterali.

Se avete mai apprezzato il profumo di una rosa, avete sperimentato le qualità aromatiche degli oli essenziali.

Ma che cos’è esattamente un composto aromatico volatile? In breve, questi composti sono piccole molecole organiche che tendono a passare rapidamente dallo stato solido o liquido ad un gas a temperatura ambiente. Sono chiamati volatili perché cambiano rapidamente stato. Quando si apre per la prima volta una bottiglia di olio essenziale, si nota immediatamente che l’aroma è potente e si può sentire l’odore in genere anche da una certa distanza. Le proprietà fisiche e chimiche dei composti aromatici volatili che compongono gli oli essenziali permettono loro di muoversi rapidamente attraverso l’aria e interagire direttamente con i sensori olfattivi nel naso. Queste proprietà uniche rendono gli oli essenziali ideali per applicazioni di aromaterapia – utilizzando questi composti per mantenere la mente e il corpo sani – così come per altre applicazioni. Il tipo di composti aromatici volatili presenti in un olio essenziale determina sia l’aroma che i benefici dell’olio.

Finora sono state identificate oltre 3.000 varietà di composti aromatici volatili. La natura di un olio essenziale varia da pianta a pianta, all’interno di famiglie botaniche, da specie a specie. Il delicato rapporto dei costituenti aromatici presenti in un determinato olio essenziale è ciò che lo rende unico e gli conferisce benefici specifici.

Anche con oli essenziali puri la composizione dell’olio può variare a seconda dell’ora del giorno, della stagione, dell’ubicazione geografica, del metodo e della durata della distillazione, dell’anno di coltivazione e delle condizioni meteorologiche, rendendo ogni fase del processo di produzione un fattore critico della qualità complessiva del prodotto oleario essenziale.

Gli oli essenziali possono essere utilizzati per un’ampia gamma di applicazioni di benessere emotivo e fisico. Possono essere utilizzati come oli essenziali singoli o in complesse miscele di oli essenziali a seconda dell’esperienza dell’utente e del beneficio desiderato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: