Thursday, 12 Dec 2019

Gli oli essenziali in natura

Ruolo

Mentre gli oli essenziali sono presenti nella pianta, essi cambiano costantemente la loro composizione chimica, aiutandola ad adattarsi all’ambiente interno ed esterno in continua evoluzione. Recenti ricerche scientifiche hanno dimostrato che le piante producono oli essenziali per una varietà di scopi, tra cui

  • Attrarre impollinatori e agenti disperdenti

Gli insetti impollinano i fiori da oltre 200 milioni di anni. Gli insetti, come gli esseri umani, sono attratti da piante specifiche per una delle tre possibili ragioni: il suo aroma, il suo colore o la sua morfologia o struttura fisica. Il profumo sembra essere più antico del colore dei fiori come attrattivo per gli insetti. Vari insetti, tra cui api, farfalle e persino coleotteri, sono noti per essere attratti dall’ aroma di una pianta.

  • Per svolgere un ruolo nell’allelopatia, un tipo di competizione da pianta a pianta

L’allelopatia si verifica quando una pianta rilascia sostanze chimiche per impedire alla vegetazione concorrente di crescere all’interno della sua area o zona. Un esempio spesso citato è nel sud della California, dove si trovano gli arbusti dominanti di Salvia leucophylla (cespugli di salvia) e Artemisia californica (un tipo di salvia). Entrambe le specie rilasciano terpenoidi allelopatici, eucaliptolo e canfora nell’area circostante, il che impedisce efficacemente la crescita di altre specie vegetali intorno ad esse. Questa è allelopatia. I prodotti chimici che scoraggiano la crescita concorrente (ad esempio, i terpeni) sono chiamati allelochemica.

  • Per servire come composti di difesa contro insetti e altri animali.

Le piante, come gli altri esseri viventi, devono proteggersi da vari tipi di predatori. Le piante utilizzano composti terpenoidi per dissuadere insetti e altri animali dall’avvicinarsi. Gli insetti si trovano molto raramente sulle piante di menta piperita e la presenza di linalolo nella buccia degli agrumi conferisce resistenza all’attacco della mosca caraibica del frutto. L’abete Douglas rilascia una complessa miscela di oli volatili, o terpeni, dai loro aghi per difendersi dal tarlo dell’abete rosso. Ancora più affascinante è il fatto che gli abeti Douglas “varieranno la composizione e la produzione di terpeni ogni anno, diminuendo così la capacità della tenia di sviluppare un’immunità diffusa a composti specifici.”

  • Proteggere la pianta dalla sua natura antimicotica e antibatterica

Resine e complesse combinazioni di terpeni vengono rilasciate da alcune piante e alberi, come i sempreverdi, per agire come agenti antimicrobici, antimicotici e antibatterici contro un’ampia gamma di organismi che possono minacciare la sopravvivenza delle piante.

Dove si trovano nelle piante

Le piante immagazzinano gli oli essenziali in strutture esterne, che si trovano sulla superficie della pianta, o in strutture interne, che si trovano all’ interno del materiale vegetale. Di solito con piante che hanno strutture esterne, basta solo toccarle leggermente e si sentirà un aroma sulla pelle. Con le piante che hanno strutture interne, potrebbe essere necessario rompere la foglia o seme per arrivare all’olio aroma/essenziale.

Le strutture esterne nelle piante sono chiamate tricomi ghiandolari. Si trovano sulla superficie della pianta (come le foglie erbacee) e sono ritenuti responsabili della produzione di sostanze chimiche che scoraggiano o attirano parassiti o impollinatori. I tricomi ghiandolari si trovano più comunemente nella famiglia delle Lamiaceae (syn. Labiatae). La capacità di stoccaggio varia da specie a specie e anche tra tricomi. Esperimenti biochimici hanno dimostrato che questi oli volatili sono sintetizzati da reazioni enzimatiche altamente raffinate che hanno luogo all’interno della pianta.

Le cavità e i condotti interni sono costituiti da grandi spazi intercellulari formati dalla separazione delle pareti delle cellule vicine o dalla disintegrazione delle cellule. Le cavità si presentano come spazi sferici e sono più comunemente presenti nelle famiglie delle Myrtaceae e delle Rutaceae. I canali sono spazi più allungati e sono più comunemente visti nelle Asteraceae (sin. Compositae), Pinaceae, Apiaceae (sin. Umbelliferae), e famiglie di Coniferae

Gli oli essenziali sono molto concentrati.

Per esempio, come si prepara l’olio essenziale di Lavanda? Ci vogliono circa 100 kg di fiori di lavanda per fare circa 450 grammi di olio essenziale. Gli oli essenziali sono molto volatili, evaporano rapidamente quando sono esposti all’aria aperta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: